gli anni di carta 
Mappa | 63 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 anni
 :: presentazione
 :: 2015
 :: 2014
 :: 2013
 :: 2012
 :: 2011
 :: 2010
 :: 2009
 :: 2008
 :: 2007
 :: 2006
 :: 2005
 :: 2004
 :: 2003
 :: 2002
 :: 2001
 :: 2000
 :: 1999
 :: 1998
 :: 1997
 :: 1996
 :: 1995
 :: 1994
 :: 1993
 :: 1992
 :: 1991
 :: 1990
 :: 1989
 :: 1988
 :: 1987
 :: 1986
 :: 1985
 :: 1984
 :: 1983
 :: 1982
 :: 1981
 :: 1980
 :: 1979
 :: 1978
 :: 1977
 :: 1976
 :: 1975
 :: 1973
 :: 1970
 :: 1968
 :: 1967
 :: 1966
 :: 1964
 :: 1960
 ::  senza data

 note
 :: autore
 :: email
 :: link
 :: riferimenti

 Ricerca
  

  1970

 poesia sul foulard

 pagina con orecchietta in alto a sinistra

 

[fronte – retro della pagina]

 

[da “ANTOLOGIA GEIGER 4” 1970]  

 notes towards the definition of future

[da “ANTOLOGIA GEIGER 4” 1970]

 canto millenario dell'amore corrisposto

 

- Canto millenario dell’amore corrisposto –

 

 

- Tutti i grandi scrittori

hanno rinnegato le loro opere giovanili.

Io le rinnego.

Tutti i grandi scrittori

sono stati riscoperti sotto nuova luce

attraverso le loro opere giovanili

che altri si sono presi la  briga

di raccogliere.

È per evitare questo inutile lavoro

dopo la mia morte

che pubblico tali versi.

Dedico

il mio giovane sforzo letterario

a tutti coloro i quali

mi hanno pazientemente sopportato

nel mio tormentato penare

di cantore amoroso.

 

d.m.r.

 

 

 

-         Canto millenario dell’amore corrisposto –

-          

                                                                                                 TTE

                                                                                                    - a       da       -

                                                                                                                   me

                                      

                                             

 

 - Quando i ricordi

busseranno alla tua porta

tu non potrai dir loro

di non essere in casa

ma dovrai sederti

sulla più scomoda delle sedie

ed intrattenerti amabilmente

con loro –

 

 

- AM

     ore

     siėditi !

     Pάrliamo di NOI !

     eh ! eh !

        eehh

     e        ! vuoi ?!? -

 

 

- Così !

C’era una volta

         una volta

               volta

                  lta

                     a -

 

- aaahhh ! -

 

 

 

 

Con

     la libertà

     la fraternità

     la maternità e la paternità

     (la parità dei sessi è stata rispettata)

     la lealtà

     la fedeltà

     e così via

 

uhm  !

     via dei filosifi

     via dei musici

     via dei poeti

                    e via di qui

  

  an

e    cora

    con l’acqua

    e con il sapone

 

è stato lavato

           stirato

           e inamidato

l’AMORE che vestiamo con così naturale eleganza –

 

Siamo stati anche fortunati :

           è vero ! –

 

perché: io porto i pantaloni con 2 bretelle

perché: ho la villa al mare con la punta quadra

             e a righe bianche - rosse

perché: IO sono proprietario

                    sì il proprietario !

                    di prigioni d’anime d’oro

                    (: - Signore il letto è servito !

                        - lenzuola di lino bianco

                          per il mio amore

                          di puttanella per bene

                          lenzuola di lino bianco -) –

-Allora !

 stavo dicendo !

 così !

 (poiché è ciò che uno ha che conta non ciò che è)

 (Le mie idee giustamente severe – come hai saputo

 servirtene bene: per lavarti i denti)

 potrò entrare a far parte

 della Tua Nobile Famiglia

 di Grandi Ufficiali

 Re

 Vice Re

 Ingegneri

 Dottori

 Farmacisti

 Speziali

 mi sentirò

             nuovo

             domenicale

 e infatti sarò

              più – certamente

              di quanto sono

    

              però – certamente

              sempre meno di TT E’ -

 

Bisognerà allora

(ho detto bisognerà)

ringraziare

             tuo padre

             TUA MADRE

             (o chi ne fa le veci)

             tuo fratello

             tua sorella

non ha sorella

              tua sorella nel senso di zia

non ha zia

               tua zia nel senso di cognata

non ha senso

               ma SOPRATTUTTO

                           TTT E

 

i tuoi capelli

le tue mani

i tuoi occhi

la tua lingua

 

                 e falla vedere ! falla vedere !

                 di AAA

           

                 aaa

 

                 A maiuscola e non a minuscola

 

                 AAA

        

                 uhm ! e non stai proprio bene

                  la Tua Salute mi preoccupa

                  dovresti prendere

                  il treno

                  che porta a quel paese !

 

e non si Può

e non solo non si Può

ma non si deve

domenticare

i TUOI SENI

 

                   due mezze mele acerbe

                   che  ciò nonostante

                   non stonano affatto

                   sull’albero della Tua Maturità.

 

-E poi ancora

 l’ELEGANZA

 con cui vesti

 e scarpe che calzi come guanti

 (quando i guanti sembrano scarpe)

 la gonna

 seria

 severa

 castigata

 (mai più di 2 spanne sopra il ginocchio) -

 

-Se si vuole essere ONESTI

 (onesti come i governanti)

 e sinceri

 sinceri

 mille volte sinceri

 si deve dire

 che anch’io ho i miei meriti !

 tu ! lo sai !

 io non sono bello

 quanto TTU sei Bella

 però quando rido.......

 

                     RRIdo !

 

ho detto rido intendendo piango

 

E poi come si fa a ridere !?!

 

                     :

 

si tende il nervo facciale destro, sinistro per i mancini,

e si mostrano i denti

                    

                       :

 

ovvero si pensa e ripensa al Nostro Amore.

 

Poi in cambio

       - cambio ? -

 

TTTi dò

 

-con il tuo permesso

e a tua discrezione –

i miei discorsi

cerebrali

intellettuali

a volte – non lo nego –

assolutamente

sinceri

sempre

attuali

nuovi

seriali

(da serie e non già da serietà)

e in fondo quasi

(ho detto quasi)

liceali -

 

-Siamo allora onesti

 (è così naturale esserlo)

 e ringraziamoci tutti e due

 

perché: noi abbiamo saputo aspettare

                               come nessunaltro

perché: noi abbiamo saputo sacrificarci

                               come nessunaltro

 

perché : noi ci AMIAMO

                                come NESSUNALTRO –

 

 

-Ahh ! AMORE !!!

 

A come  a

M come m

O come  o

R come  r

E come  :

 

               è stata colpa nostra se l’AMORE

               ci ha presi in giro

 

E come :

              

               E mi chiedo :

 

 

Quando la finiremo di fare i BURATTINI ?!?

 

 

[Pubblicazione in proprio - Torino – ottobre 1970]

 
 lavori
 :: - Ho lasciato la strada vecchia per la nuova - come Cristoforo Colombo -
 :: appunti di viaggio
 :: eventi-mostre
 :: frammenti
 :: il dubbio e la certezza
 :: il gatto dalle unghie gentili
 :: il gioco nel mondo
 :: il lione e la gazella
 :: il signor x
 :: io il piccolo principe
 :: la 500 rossa
 :: la finestra [corto]
 :: lettere a maria
 :: marginalia
 :: poes?a 1
 :: poster
 :: storie di cose incontrate
 :: storie di graffi
 :: svite d'artisti
 :: t-shart
 :: una storia zuccherata

 elenco aggiornamenti
 :: data-voce

 libri
 ::  il signor x [Finzi Editore - Tunisi]
 :: I MONACI, LA MASCA E LA STREGA

 testi tradotti
 :: "السيد "ايكس
 :: arabo
 :: francese
 :: inglese
 :: olandese
 :: tedesco

 web partners

 

il gioco nel mondo

giocarsi

barberìa ensemble

Il Corriere di Tunisi

il foglio

 

 


delfino maria rosso - gli anni di carta - copyright © 2005 - powered by fullxml